10 Febbraio 1991: Juventus – Cesena

É il 10 Febbraio 1991 e Juventus e Cesena si sfidano nella Terza Giornata del Girone di Ritorno del Campionato Italiano di Calcio di Serie A 1990-91 allo Stadio ”Delle Alpi’ di Torino.

La Juventus tenta di riapproparsi dello scettro di squadra ‘piú forte della penisola’ con una nuova dirigenza tecnica affidata ad un allenatore del famigerato ‘calcio champagne’ Luigi Maifredi. Dopo un inizio di campionato incoraggiante i bianconeri naufragano tra caterve di gol presi ed addirittura a fine campionato si trovano fuori dalle Coppe Europee dopo 27anni. Dall’altra parte un Cesena che affonda in Serie B dopo un campionato anonimo.

Buona Visione!


juve

Campionato di Serie A 1990-1991 – 3 ritorno
Torino – Stadio Delle Alpi
Domenica 10 febbraio 1991 ore 15.00
JUVENTUS-CESENA 3-0
MARCATORI: Fortunato D. 5, Casiraghi 73, De Agostini 88

JUVENTUS: Tacconi, Napoli, Luppi, Fortunato D., Julio Cesar, De Agostini, Haessler, Galia (Di Canio 82), Casiraghi (Zanini 89), Alessio, Schillaci
Allenatore: Luigi Maifredi

CESENA: Ballotta, Calcaterra, Nobile, Piraccini, Barcella, Jozic, Turchetta, Esposito, Ciocci, Silas, Leoni (Zagati 74)
Allenatore: Giampiero Ceccarelli

ARBITRO: Nicchi


Agnelli: scudetto lontano 
Ma il prossimo anno saremo più forti 

TORINO. Un’ora e un quarto di sbadigli, poi negli ultimi quindici minuti una Juve determinata, decisa ad uscire tra gli applausi. Lo strapotere bianconero contro la Cenerentola del campionato non c’è stato se non negli ultimi sprazzi dell’incontro. E così molti tifosi della tribuna vip hanno abbandonato il Delle Alpi perdendosi gli ultimi spiccioli di spettacolo. Non si sono divertiti come in altre occasioni il presidente della Fiat, Gianni Agnelli, il presidente della società, Chiusano, e neppure il vicepresidente esecutivo, Luca di Montezemolo. E ognuno di loro ha preferito rimandare di qualche tempo un giudizio sulle ambizioni della squadra. 

«Aspetto di giudicarla per farla forte il prossimo anno» 

ha esordito l’avvocato Agnelli ed ha aggiunto: 

«Lo scudetto è un obiettivo non facile da raggiungere. Almeno per quest’anno. Piuttosto, questo terreno di gioco peggiora di domenica in domenica e questo non aiuta di certo lo spettacolo. Solo nella fascia centrale, dove si è provveduto a rizollare, il campo è agibile; il resto è un vero disastro. I giocatori di classe sono ovviamente penalizzati». 

Al presidente della Fiat fa eco Montezemolo: 

«Davvero un fondo impraticabile. Ma la nostra società sta già facendo alcune riflessioni per il futuro, Quali? E’ presto per parlarne, ma così non si può andare avanti. Per quanto riguarda la partita, ho visto una Juve determinata, concreta. Qualcosa non mi è piaciuto, ma non riguarda la squadra». 

Un’allusione all’arbitro? Potrebbe essere, ma quando si fa cenno al signor Nicchi, il vicepresidente soprassiede: 

«Ho visto un Haessler mondiale. Mi è dispiaciuto invece per Schillaci che è andato vicino al gol in almeno tre occasioni e alla fine anche il palo gli ha detto di no. Speriamo che questo digiuno finisca presto, magari già domenica sul difficile terreno della leader Sampdoria». 

Sempre a proposito del match con il Cesena Montezemolo ha aggiunto: 

«Come a Bergamo la squadra ha lottato bene. Certo queste sono le tipiche partite dove c’è tutto da perdere. Lo spettacolo è il primo ad essere penalizzato. L’importante è stare con i piedi per terra e lavorare concentrati, anche perché essere impegnati su tre diversi fronti non è, uno scherzo, soprattutto a primavera inoltrata, quando la fatica comincerà a farsi sentire». 

L’avvocato Chiusano ha visto una Juve dai due volti, uno per tempo: 

«Nei primi 45 minuti devo dire che non è piaciuta assolutamente, ma dopo il secondo gol ha rischiato di farne almeno altri tre o quattro. Ancora una volta ho visto un Julio Cesar impeccabile su ogni pallone, ma anche il tedesco Haessler ha ritrovato lo smalto migliore. Continuo a restare della mia idea: segnano le squadre che tirano in porta. Quando la Juve ha cominciato a prendere la mira, la musica è cambiata e anche il pubblico alla fine si è divertito». 

Negli spogliatoi l’avvocato Agnelli, accompagnato da Montezemolo, ha voluto premiare con delle medaglie d’oro due protagonisti della squadra, Stefano Tacconi e Gigi De Agostini. Il primo ha festeggiato infatti le 200 partite nel campionato di A con la maglia bianconera, mentre il centrocampista ha raggiunto quota 100. 

Piero Abrate
tratto da: La Stampa 11 febbraio 1991

 


juve

juve

luigi


pierluigi
daniele

juve

cesena
juventus

cesena

juve


/ 5
Thanks for voting!