2 Marzo 2014: Milan – Juventus

É il 2 Marzo 2014 e MilanJuventus si sfidano nella settima Giornata del Girone di Ritorno del Campionato Italiano di Calcio di Serie A 2013-14 allo Stadio ‘San Siro – Giuseppe Meazza’ di Milano.

É una Juventus tutta record questa guidata in panchina dal ‘gladiatoreAntonio Conte. É la Juve dei 102 punti finali che strapazza tutti e conquista così il suo trentaduesimo scudetto. Pensate che il Milan (fermatasi ad un mediocre ottavo posto) finisce a ben quarantacinque (45!) punti di distacco dalla squadra Campione d’Italia.

Buona Visione!


milan

 

Stagione 2013-2014 – Campionato di Serie A – 7 ritorno
Milano – Stadio Giuseppe Meazza
Domenica 2 marzo 2014 ore 20.45
MILAN-JUVENTUS 0-2
MARCATORI: Llorente 44, Tevez 68

MILAN: Abbiati, Abate, Bonera, Rami, Emanuelson, Montolivo (Honda 70), De Jong, Taarabt (Robinho 75), Poli (Saponara 53), Kakà, Pazzini
Allenatore: Claerence Seedorf

JUVENTUS: Buffon, Barzagli, Bonucci, Caceres, Lichtsteiner (Padoin 83), Pogba, Pirlo, Marchisio C., Asamoah, Tevez (Giovinco 90+2), Llorente (Osvaldo 90)
Allenatore: Antonio Conte

ARBITRO: Guida



La capolista soffre, rischia ripetutamente di andare sotto ma reagisce con straordinaria forza e espugna il Meazza con le reti di Llorente e Tevez. La Roma scivola a -11. Pali, nel finale, di Pirlo, Pogba e Robinho. Spavento per Poli: trauma cranico

MILANO – Non ce ne è per nessuno. La Juve passa anche a Milano e ipoteca lo scudetto. Conquista il 22° successo su 26 incontri e vola a +11, anche se con una gara in più, nei confronti della Roma. Se è vero, come dice Garcia che alla fine del campionato mancano ancora molte giornate è anche vero che i bianconeri hanno dato l’ennesima prova di straordinaria forza uscendo indenni da una serata difficile, per di più dopo la faticosa trasferta a Trabzon.

JUVE, VITTORIA DA GRANDE SQUADRA – La Juve ha vinto da grande squadra. Ha saputo soffrire per quasi un tempo, in cui è stata lungamente messa alle corde da uno dei migliori Milan della stagione, e poi ha colpito in maniera micidiale, sgretolando prima di tutto psicologicamente gli avversari. Non a caso i rossoneri nella ripresa sono partiti inevitabilmente meno convinti e hanno finito per incassare lo 0-2 di Tevez che, in pratica, ha chiuso anzitempo i giochi.

MILAN, UNA PROVA CONFORTANTE – Il ko rallenta la corsa del Milan all’Europa League ma fa intravedere comunque un futuro roseo a Seedorf. La squadra sembra aver ritrovato compattezza, motivazioni e gioco. Tutte componenti importanti per ricostruire qualcosa di importante e per far credere che il 6° posto, attualmente lontano 5 punti, sia ancora tranquillamente alla portata malgrado in mezzo ci siano altre tre formazioni.

CONTE RILANCIA MARCHISIO – Senza Vidal, squalificato, Conte ha rilanciato in mediana Marchisio, confermando Caceres al posto di Ogbonna in difesa. Nel Milan Seedorf, privo dell’appiedato Muntari, ha inserito in mediana de Jong e ha riproposto in difesa il recuperato Bonera. Davanti, invece, ha preferito Poli e Kakà a Saponara ed Honda.

KAKA’ MANCA L’1-0 – Il Milan è partito bene, non ha fatto ragionare i rivali con un pressing alto asfissiante ma è mancato in fase di finalizzazione. La squadra ha costruito ben 10 palle-gol in 45′ ma le ha sciupate per mancanza di forza o di precisione. La migliore è capitata al 26′ a Kakà che, smarcato da Taarabt, ha prima calciato addosso a Buffon e poi, sulla respinta, si è fatto respingere il pallone sulla linea da Bonucci.

LLORENTE GELA IL MEAZZA – La Juve ha vacillato, ha stretto i denti ma non ha mai rinunciato a replicare in ripartenza. E dopo aver costretto agli straordinari Abbiati su un destro ravvicinato di Lichtsteiner al 18′, è passata cinicamente al 44′ con un’azione da manuale: Marchisio dalla destra ha servito in area Tevez che di prima ha lanciato sulla destra Lichtsteiner, bravo a rimettere immediatamente in mezzo per Llorente che ha insaccato.

TRAUMA CRANICO PER POLI – Il Milan ha accusato il colpo e non è riuscito a ripartire nel secondo tempo con la stessa intensità. Malgrado ciò, si è comunque costruito la palla del pareggio, sfiorato da Poli con un colpo di testa coraggioso che gli è costato anche la corsa all’ospedale per un trauma cranico dopo un duro contrasto testa contro testa con Caceres.

PIRLO NON VIENE ESPULSO, TEVEZ RADDOPPIA – La Juve non ha tremato e, dopo essere stata graziata dall’arbitro Guida (che non ha espulso Pirlo per un brutto fallo con il piede a martello ai danni di Saponara, subentrato a Poli), ha raddoppiato: tutto merito di Tevez che al 67′ ha raccolto un pallone ai 28 mt e ha scaraventato un destro d’antologia sotto la traversa lasciando di sasso l’incolpevole Abbiati.

PALI DI PIRLO, POGBA E ROBINHO – Il Milan ha provato a non mollare mentalmente ma dopo aver creato altre tre apprensioni ad Abbiati con Rami, Robinho, gettato disperatamente nella mischia al posto di Taaarabt, e Emanuelson, ha alzato definitivamente bandiera bianca. La Juve non ne ha approfittato per dilagare, colpendo prima una traversa su punizione con Pirlo e poi un palo con un destro da fuori di Pogba e, al 93′, ha mantenuto comunque la porta involata su un destro di Robinho che ha picchiato a porta vuota sulla trasversale a Buffon battuto. L’ennesimo segnale di una stagione in cui tutto fila per il verso giusto.



milan

juventus

Apache

carlos

gol

Bonucci

joy
milan

milan

milan

milan

juve

juve

juve

juve

milan


/ 5
Thanks for voting!