20 Febbraio 2015: Juventus – Atalanta

É il 20 Febbraio 2015 Juventus ed Atalanta si sfidano nella Quinta Giornata del Campionato Italiano di Calcio di Serie A 2014-15 allo ‘Juventus Stadium’ di Torino.

La Juve é guidata dalla panchina da Massimiliano Allegri (che é subentrato al dimissionario Antonio Conte a Luglio)  mentre il Sassuolo é allenato da Stefano Colantuono. I bianconeri dopo aver conquistato i precedenti tre campionati sotto la guida del allenatore salentino si apprestano a farlo anche quello livornese. I neroazzurri bergamaschi dal canto loro lottano con il coltello fra i denti per evitare la retrocessione. Ce la faranno per il rotto della cuffia.

Buona Visione!


juve

Campionato di Serie A 2014-2015 – 5 ritorno
Torino – Juventus Stadium
Venerdì 20 febbraio 2015 ore 20.45
JUVENTUS-ATALANTA 2-1
MARCATORI: Migliaccio 25, Llorente 39, Pirlo 45

JUVENTUS: Buffon, Caceres, Bonucci, Chiellini, Padoin, Marchisio C., Pirlo, Pogba (Lichtsteiner 65), Pereyra, Tevez (Coman 89), Llorente (Morata 74) –
Allenatore: Massimiliano Allegri

ATALANTA: Sportiello, Scaloni, Masiello A., Bellini, Dramè, Emanuelson, Migliaccio, Cigarini, Zappacosta (D’Alessandro 51), Baselli (Gomez A. 82), Denis (Boakye 70)
Allenatore: Stefano Colantuono

ARBITRO: Irrati



Partita complicata per i bianconeri. Le reti tutte nel primo tempo: Migliaccio porta avanti gli ospiti, lo spagnolo pareggia e poi il regista con una magia sigla il sorpasso. Nella ripresa il portiere Sportiello salva i suoi ma la capolista (che momentaneamente sale a +10 sulla Roma) chiude in affanno

TORINO – La Juventus torna a vincere dopo il 2-2 di Cesena e va momentaneamente a +10 punti in classifica sulla Roma. Un successo in rimonta (2-1) contro un’altra squadra che lotta per la salvezza, l’Atalanta, in campo allo Juventus Stadium con un atteggiamento coraggioso e combattivo. Infatti sono i bergamaschi a passare in vantaggio con Migliaccio. Poi una zampata di Llorente e una magia di Pirlo fanno il resto. Una vittoria che permette ai bianconeri di preparare serenamente l’impegno di martedì in Champions League contro il Borussia Dortmund.

MIGLIACCIO SORPRENDE LA JUVE – Turnover relativo per Allegri che cambia i terzini con Caceres e Padoin, mentre al centro della difesa giocano regolarmente Bonucci e Chiellini. A centrocampo Marchisio, Pirlo e Pogba (in campo nonostante la diffida), mentre al posto dell’infortunato Vidal c’è Pereyra dietro le punte, Llorente e Tevez che torna dopo la squalifica. Atalanta in totale emergenza con Pinilla, Carmona e Benalouane squalificati e tanti infortunati ai quali si è aggiunto all’ultimo momento Stendardo. 4-4-1-1 per Colantuono con Denis unica punta, Baselli a supporto, Zappacosta ed Emanuelson esterni, Cigarini in regia. Difesa inedita con Scaloni, Bellini, Masiello e Dramè. La partita la fa la Juventus ma l’Atalanta si difende in 11 non dando spazi in avanti ai bianconeri. Llorente ci prova due volte senza fortuna. I bergamaschi resistono e ripartono in contropiede quando possono. Al 24′ occasionissima: contropiede di Emanuelson, poi un rimpallo favorisce Baselli che conclude solo davanti al portiere, ma Buffon salva i suoi in angolo. Corner e Migliaccio di testa anticipa tutti sul primo palo: legno e rete.

LLORENTE E PIRLO RIBALTANO LA GARA – Tevez prova a rispondere subito a Migliaccio ma non centra la porta. Ben più pericoloso Pereyra al 27′: assist di Tevez, l’ex Udinese salta Bellini e poi cerca un esterno destro ma Sportiello respinge. Al 39’gran palla di Pogba che smarca in area a destra Caceres: destro e altra splendida parata di Sportiello in angolo. Dopo il tiro dalla bandierina, colpo di testa di Bonucci. Il portiere ospite respinge e si accende una mischia risolta da una zampata di Llorente che fa 1-1. Protestano gli ospiti per una posizione dubbia di Tevez, ma probabilmente Cigarini tiene in gioco tutti. E proprio all’ultimo minuto del primo tempo magia assoluta di Pirlo che si inventa un collo-esterno destro imprendibile per Sportiello: 2-1.

SUPER SPORTIELLO – A inizio ripresa Colantuono perde per infortunio anche Zappacosta: gli subentra D’Alessandro. La Juventus spinge per chiuderla e al 9′ sembra cosa fatta: perfetto cross dalla destra di Pereyra e colpo di testa di Pogba, a colpo sicuro. Ma Sportiello si supera e para. Poi i padroni di casa chiedono per due volte calcio di rigore e se non sembra esserci fallo di Scaloni su Marchisio, Cigarini rischia grosso colpendo al volto il numero 8 bianconero in area. Irrati fa proseguire.

ANCORA PERICOLOSO MIGLIACCIO – Allegri decide di non rischiare oltre e leva dal campo Pogba, diffidato e a rischio squalifica in caso di giallo, per far entrare Lichtsteiner. Poco dopo tocca a Morata per Llorente. Colantuono invece rimpiazza Denis con Boakye prima di farsi espellere per un diverbio a bordocampo col quarto uomo. Il match resta teso, la Juventus non sfonda e l’Atalanta nel finale trova le energie per farsi sotto e preoccupare il pubblico dello Stadium. Ma l’unica vera grande occasione ce l’ha ancora Migliaccio, al 43′: traversone dalla destra di Scaloni e incornata del centrocampista che manca di poco lo specchio della porta. Finisce 2-1, ma l’Atalanta esce a testa alta.


Simone

gol decisivo

matchwinner

German Denis

esultanza

gol

juventus

juve

juve

juve
atalanta

atalanta

atalanta

atalanta

juve


/ 5
Thanks for voting!